Approfondimenti tecnici

Una moto Unica

Mai tante soluzioni così particolari ed avanzate sono state implementate tutte insieme su un unico mezzo a due ruote. Esse, frutto del saper fare “made in Italy”, sono tutte votate alla massima semplicità, efficienza e leggerezza.

Scarica il PDF

Progettazione e Design1

La funzione che sposa la forma. Nulla a livello concettuale e tecnico è stato lasciato al caso. Ogni elemento è stato studiato, disegnato e realizzato per svolgere efficacemente la sua funzione, rispettando i dettami base del progetto: leggerezza e semplicità.

Il numero ridotto dei componenti, la semplicità costruttiva e il peso limitato fanno di questa moto un oggetto davvero unico e raffinato, anche dal punto di vista progettuale e stilistico.

  • un concept nuovo e diverso
  • ricerca di un layout innovativo
  • ispirazioni dal mondo automotive e aeronautico
  • purezza formale con linee sportive e dinamiche

Oggetto unico nel suo genere, si tratta di una monoscocca portante in fibra di carbonio a sezione cava, il cui interno è conformato come un condotto dell’aria. In essa è integrato il traversino, che ha la funzione, oltre che di elemento strutturale del telaio, anche di estrarre ed evacuare correttamente l’aria calda che attraversa la moto.

Nodo Anteriore3

Il telaio della motocicletta è costituito da una monoscocca in fibra di carbonio internamente cava e dal nodo anteriore, il quale è realizzato in alluminio, ed è racchiuso all’interno della monoscocca stessa.

Il nodo anteriore è un componente fondamentale della motocicletta e svolge per sua natura svariate funzioni:

  • Nodo strutturale
  • Attacco link sospensione anteriore
  • Supporto radiatore
  • Vaschetta di espansione dell’acqua
  • Convogliatore aria
  • Sostegno Motore

Lo schema sospensioni integra contemporaneamente una sospensione anteriore con triangoli sovrapposti e una posteriore tipo push rod parallelo a doppia attuazione, entrambi con monoammortizzatore regolabile.
Le forcelle anteriore e posteriore sono in fibra di carbonio come i cerchi per garantire il minor peso e la miglior prestazione.

Vantaggi:
Entrambi gli schemi si presentano come soluzioni estremamente leggere, votate alla massima performance.
La sospensione anteriore presenta un comportamento iniziale “pro-affondamento” e finale “anti-affondamento”. Questo avviene in modo graduale a seconda del trasferimento del carico e delle condizioni della strada, garantendo come risultato quello tipico di una sospensione attiva, il tutto ottenuto meccanicamente senza ulteriori complicazioni.

La sospensione posteriore si basa sullo schema “push-rod” tipico delle vetture di Formula 1 ma godendo della doppia attuazione simultanea proveniente da ambo i lati della forcella, così da ottenere uno scompenso d’assetto ridotto e mantenuto su valori ottimali.

Freni5

Nuovo impianto frenante racing by JJUAN per una frenata sempre pronta e sicura. Il ridotto peso dell’intera moto consente di utilizzare un singolo disco anteriore da 300mm con pinza a 4 pistoncini anzichè la soluzione a doppio disco, così da ridurre le masse non sospese, l’inerzia, la massa equivalente e il peso complessivo del sistema.

Un nuovo materiale di attrito, unito al disco anteriore esclusivo by Newfren, garantisce un perfetto smaltimento del calore prevenendo il fenomeno di fading.

Al posteriore è presente un disco da 220mm con pinza a doppio pistoncino.

 

L’intero progetto è incentrato sull’efficienza aerodinamica, oltre che sulla leggerezza, passando per l’integrazione degli elementi. Per questo motivo il frontale della moto è stato progettato appositamente per avere molteplici prese d’aria.

La monoscocca è conformata per intero come un condotto dell’aria, trasformandola in un maxi estrattore; il traversino è infine utilizzato come splitter, così da scaricare più velocemente l’aria calda verso il posteriore (zona di bassa pressione ed aria calda).

6Aerodinamica

La vera scelta controcorrente. Un progetto interamente incentrato su leggerezza e prestazioni non poteva rinunciare al motore a due tempi.
In un mondo ormai dominato dai motori a quattro tempi c’è chi ancora crede che la semplicità, l’alta potenza specifica e il peso ridotto siano fattori fondamentali per il motociclista sportivo: tutte qualità che solo il due tempi può dare.

Il sistema di alimentazione brevettato ad iniezione elettronica, i carter ricavati dal pieno su misura, il cambio estraibile, le valvole di scarico comandate elettronicamente e gli scarichi specifici sono solo alcuni degli elementi che rendono questo motore un due tempi moderno, come dovrebbe essere.

Tutte soluzioni votate a dimostrare che il due tempi è ancora vivo, che i veri appassionati esistono ancora, che le sfide possono essere vinte; talvolta, 2 è maggiore di 4.

Primo sistema di raffreddamento ibrido attualmente in produzione. Si tratta di una combinazione tra il raffreddamento a liquido classico ed uno ad aria forzato.
Il primo tipo è affidato ad un radiatore che viene sfruttato per il 100% della sua sezione frontale: normalmente il radiatore (di dimensioni ben maggiori) è collocato dietro la ruota anteriore e non gode, proprio a causa della presenza di ruota e forcella, del completo e corretto approvvigionamento d’aria (meno della metà della sua sezione è davvero investita dall’aria durante l’avanzamento).

Con un radiatore posizionato all’interno di un’opportuna conduttura (condotti aria autoportanti e nodo anteriore), è possibile sfruttare completamente la sua sezione frontale, impiegando di conseguenza un oggetto più piccolo e leggero.

Al radiatore si aggiunge il secondo tipo di raffreddamento: una ventola centrifuga, in presa sull’albero motore secondario, risciacqua l’aria nell’ambiente intorno al motore e al di sotto del serbatoio benzina, indirizzandola verso la zona posteriore di bassa pressione assieme all’aria calda proveniente dal radiatore.

8Raffreddamento

Ergonomia9

Parte integrante del progetto Vins è la ricerca ergonomica per rendere il prodotto vicino alle esigenze del pilota.

Il sedile stretto ispirato alle competizioni e la profonda sgusciata sul telaio per le ginocchia assicurano la massima aderenza del corpo alla moto per un migliore controllo.

L’affaticamento della parte superiore del corpo è ridotta, le masse da gestire sono portate al minimo termine ed è sempre garantita la massima visibilità della strada.

Ampio margine di regolazione e personalizzazione dei punti ergonomici, le pedaline, i semi-manubri e il sellino sono parti integranti del prodotto, senza mai rinunciare alla massima qualità del Made in Italy.

Siamo in grado di offrire diversi kit di trasformazione, combinabili tra loro, sia per quanto riguarda il motore (pacchetto Full Performance) che l’allestimento (pacchetto Ultralight).

Sono inoltre disponibili, a discrezione del cliente, diverse colorazioni ed allestimenti di carenatura, fino ad arrivare alla possibilità, davvero esclusiva, di decidere la tramatura degli elementi in carbon look, monoscocca inclusa: offriamo difatti una vasta gamma di tessuti ognuno diverso per trama, tipo di fibra e colore, così da rendere la propria moto una vera opera d’arte personalizzata.

Uno step ulteriore è costituito dalla possibilità di realizzare un veicolo speciale One-Off, completamente disegnato e realizzato attorno al cliente: un autentico esemplare unico.

10Personalizzazioni